Smart working, Cagliari tra i progetti pilota a livello nazionale

Cagliari è tra le 15 amministrazioni d'Italia selezionate dalla Presidenza del Consiglio per l'avvio dei progetti di smart working

smart working

Il Comune di Cagliari rientra tra le 15 amministrazioni d’Italia selezionate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per l’avvio, previsto per il prossimo mese di marzo, di progetti pilota sul lavoro agile, la nuovissima modalità di lavoro a distanza con la quale si superano i vincoli di orario, di tempo e di luogo. Si tratta di un nuovo passo avanti nel percorso di modernizzazione della macchina amministrativa e, in particolare, nelle pratiche innovative per la conciliazione vita privata-lavoro.

Viene offerta al dipendente la possibilità di scegliere dove, quando e quali strumenti (pc portatile, tablet, smartphone) utilizzare per lavorare, a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati ottenuti.

Nell’ambito del bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri “Lavoro agile per il futuro della PA-Pratiche innovative per la conciliazione vita-lavoro”, oltre al progetto presentato dal Comune di Cagliari, sono stati selezionati quelli di città importanti come Roma, Firenze e Napoli, delle Regioni Emilia Romagna e Lazio e del Ministero del Lavoro.

Nello specifico, il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri coordinerà a livello centrale i progetti, provvederà a formare il personale coinvolto, sovrintenderà la pianificazione e la realizzazione delle singole attività programmate, svolgerà l’attività di monitoraggio per osservare i cambiamenti in termini di miglioramento della performance amministrativa, nonché l’impatto sul personale, in particolare sul benessere organizzativo e sulla qualità della vita, con particolare riferimento alla conciliazione dei tempi vita-lavoro.

“Essere tra le 15 amministrazioni pilota che sperimenteranno il lavoro agile”, spiegano il sindaco Massimo Zedda e l’assessore al Personale Danilo Fadda, “è per noi motivo di grande soddisfazione: ci aiuterà a proseguire nel processo di modernizzazione della macchina amministrativa, a ottenere risultati e obiettivi migliori e ad avere un’amministrazione più efficace e più efficiente, superando il concetto secondo cui il lavoratore che sta fisicamente in ufficio produce di più e meglio. Va sottolineato inoltre che questa nuova modalità di lavoro, favorendo una maggiore motivazione dei dipendenti e un incremento della produttività, porterà a un miglioramento dei servizi offerti ai cittadini”.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.