Giornata contro violenza sulle donne: una nuova iniziativa

Da oggi nuova campagna Centro regionale Pari Opportunità per promuovere “Telefono Donna”

Una data importante quella del venticinque novembre, importante perché ricorda la campagna contro la violenza sulle donne. Così il Centro per le pari opportunità della Regione Umbria, in quell’occasione, ha realizzato una nuova campagna di comunicazione per sensibilizzare sulla violenza e promuovere il servizio “Telefono Donna” e il suo Numero Verde 800.86.11.26 (attivo 24 ore su 24).
A partire da oggi, nei principali comuni dell’Umbria, saranno affissi i manifesti che mostrano – si sottolinea – tre volti di donne “differenti per età e provenienza, a testimonianza che la violenza colpisce trasversalmente appartenenze sociali, religiose o nazionali, nella loro fierezza, nella loro forza espressiva, nella loro capacità di guardare al futuro, di ‘riscoprire’ ciò che meritano e già appartiene loro, ma di cui la violenza vorrebbe privarle: il futuro, la gioia, il rispetto di sé”.
Con questa campagna, il Centro regionale per le pari opportunità ha “scelto, infatti, di non mostrare, come abitualmente avviene, volti tumefatti o, in generale, i segni fisici della violenza maschile sul corpo delle donne. Oltre a questi, infatti, la violenza di genere lascia ferite invisibili, ma ugualmente devastanti: colpisce la differenza e la libertà femminile, mira a deprivare le donne della loro progettualità, del loro futuro, della loro forza, della loro capacità di cambiamento di sé e del mondo”.
“Negli occhi di queste donne – si rileva – c’è, oggi più che mai, la consapevolezza di non essere sole e la fiducia di poter chiedere aiuto ai servizi specialistici”.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”