Perugia: Baby Card da spendere in farmacia di 500 euro per famiglie bisognose

Misura cofinanziata da Regione Umbria e Comune di Perugia: vale per tutte le famiglie con bimbi entro il primo anno di età e Isee inferiore a 6 mila euro

Carta acquisti da 500 euro per acquistare beni per la prima infanzia, dai pannolini agli alimenti, dai prodotti per l’igiene a quelli per la cura. E’ la misura che il Comune di Perugia ha deciso di destinare a tutte le famiglie, residenti nel territorio comunale, che abbiano bambini entro il primo anno di età e con un Isee da 0 a 6 mila euro.

La misura è finanziata per 22 mila euro nell’ambito del Fondo nazionale per le politiche per la famiglia, per il tramite della Regione Umbria, ed è cofinanziata, per altri 28 mila euro, dal Comune di Perugia. Parte da subito e ha validità fino al 31 maggio del 2018. Entro fine anno il Comune emanerà un bando a cui le famiglie potranno fare riferimento per presentare la richiesta della cosiddetta Baby Card.

L’assessore alle Politiche sociali, Edi Cicchi, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa ha detto: “Abbiamo fatto una stima che le famiglie con i requisiti siano circa un centinaio. Ma ci auguriamo che per i prossimi anni il fondo possa venire incrementato, in modo da poter supportare un maggior numero di famiglie”.

Grazie all’accordo con Afas, la card sarà utilizzabile nelle farmacia comunali. Raimondo Cerquiglini, direttore generale Afas, ha aggiunto: “Non appena saranno disponibili i nominativi di chi ne ha diritto, provvederemo a personalizzare e ad attivare le nostre Afas Plus, con le quali le famiglie potranno recarsi nelle farmacia Afas per gli acquisti. L’importo della spesa sarà via via scalato, fino al raggiungimento dei 500 euro. Con la Baby Card si potranno anche accumulare punti; una volta terminato il budget, i possessori avranno così ancora la possibilità di ricevere sconti e agevolazioni in base ai punti ottenuti”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.