Investimenti pubblici dei comuni e contributo fondi europei

Se ne parlerà in un convegno a Palazzo Donini mercoledì prossimo. Parteciperà la presidente Catiuscia Marini.

Studiare un comportamento univoco rispetto all’utilizzo dei fondi europei e a tutto quello che ne consegue: se ne parlerà in un convegno che si terrà mercoledì 8 novembre al Salone d’Onore di Palazzo Donini, ore 9.30, che sarà aperto dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, con le conclusioni dell’assessore regionale alle Riforme Antonio Bartolini.
Il focus sarà diretto specialmente sugli investimenti pubblici dei Comuni in Umbria e il contributo dei fondi europei, con particolare riferimento ai fondi del Por Fesr (Programma operativo regionale Fondo europeo sviluppo regionale).
Nella prima parte, coordinata dal direttore regionale alla Programmazione Lucio Caporizzi, interverranno Mariella Volpe, responsabile del Sistema Cpt (Conti pubblici territoriali) e coordinatrice del Nuvec (Nucleo di verifica e controllo) dell’Agenzia per la coesione territoriale, su “Politiche nazionali e politiche di sviluppo a livello territoriale: Relazione annuale Cpt 2017” e Giacomo Frau, Assistenza tecnica Nucleo Cpt Regione Umbria, sulla “spesa totale consolidata del settore pubblico allargato”.
Nella seconda parte, coordinata dal dirigente del Servizio regionale Programmazione comunitaria Claudio Tiriduzzi, interverranno Ilaria Trovati, Assistenza tecnica Por Fesr 2014-2020 Regione Umbria, sulla “spesa per investimenti dei Comuni e i finanziamenti dei programmi regionali”, e Francesco Monaco, Capo Area Politiche di coesione territoriale e Mezzogiorno dell’Anci (Associazione nazionale Comuni) sulla “dimensione territoriale nelle politiche di coesione”.
Le conclusioni, previste per le 13, saranno precedute da interventi dei partecipanti e dibattito.

 

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”