La cura dei dettagli secondo Zenoni & Scarponi

Maurizio Zenoni ci spiega il "dietro le quinte" di un rito funebre: «Oggi si assiste ad una minore ostentazione del dolore, ma le piccole accortezze fanno ancora la differenza»

Maurizio Zenoni

Siamo abituati a recarci presso un’agenzia funebre solo nel momento del bisogno. Spesso in situazioni difficili, colmi di dolore. In circostanze del genere alcuni dettagli non vengono notati. Ma sono essenziali e fanno da spartiacque tra un funerale da ricordare (almeno per l’aspetto organizzativo) e uno da gettare alle ortiche. Ci spiega il crinale tra queste due eventualità, Maurizio Zenoni, titolare della Zenoni & Scarponi, storica agenzia nel cuore di Terni.

«Ogni dettaglio è essenziale – spiega Maurizio – perché niente va improvvisato, dal personale alla puntualità. Certo, ogni funerale ha una storia a sé, ma quello che rimane nella mente di una persona che ha subito una perdita non è tanto la cassa o gli addobbi floreali, quanto proprio la disponibilità delle persone che hanno curato il rito».

Questa tendenza a privilegiare la dimensione “spirituale” si riflette anche nelle singole scelte del cliente che hanno determinato una rapida evoluzione del settore.

«Rispetto a qualche anno fa, si assiste ad una minor ostentazione del dolore – continua Maurizio – Il lutto viene vissuto in modo più discreto ed introspettivo. Ad esempio gran parte degli addobbi floreali sono stati sostituiti dalle donazioni. Anche qui è importante mettere a disposizione del cliente tutti gli strumenti necessari alla raccolta dei soldi da destinare ad un ente benefico, ma senza invadere la sua privacy».

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.