Al via gli investimenti territoriali integrati nelle Marche

Firmata la convenzione che avvia la realizzazione degli Iti di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Fano.

E’ stata firmata, in Regione, la convenzione che avvia la realizzazione degli Investimenti territoriali integrati (Iti) di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Fano. I piani prevedono, complessivamente, interventi di riqualificazione urbana superiori a 31 milioni di euro, sostenuti da più di 19 milioni di fondi europei (Fesr, sviluppo regionale e Fse, lavoro). Con la firma odierna decorrono i 36 mesi entro i quali gli investimenti dovranno concludersi. Gli altri due Iti in graduatoria, quelli di Macerate e Fermo, verranno successivamente finanziati con le risorse addizionali del Fesr riconosciute alle Marche per le aree colpite dal sisma. “Finanziamo idee che guardano alle aree urbane – ha detto il presidente della Regione, Luca Ceriscioli –mettendo a rete le bellezze, le caratteristiche del territorio con le risorse che sempre mancano per compiere il salto di qualità. Gli investimenti, il lavoro, la crescita vengono posti a servizio della riqualificazione dei nostri capoluoghi, in modo da valorizzare il nostro patrimonio che ha necessità di esser proposto in un modo migliore”. È la prima volta, ha sottolineato l’assessore alla Politiche comunitarie Manuela Bora che “nella politica di coesione marchigiana vengono finanziati strumenti a sostegno dello sviluppo urbano. Il ritorno per le nostre città sarà davvero eloquente”. L’obiettivo della Regione, ha evidenziato l’assessore alla Formazione Loretta Bravi, “è quello di concentrare i fondi sulla stessa progettualità. Non vengono distribuiti a pioggia, ma sui fabbisogni che emergono dal territorio”. Il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli ha espresso “grande soddisfazione per aver vinto il bando: l’orgoglio e la soddisfazione che fanno diventare fatti concreti le belle idee progettuali. Il mare è per Ancona è quello che è stata la Fiat per Torino. Attorno al rapporto con il mare abbiamo costruito la progettualità di medio termine: non solo belle idee, ma belle idee con le gambe perché si concretizzeranno già nei prossimi mesi”. Il sindaco di Ascoli Piceno, Guido Castelli, riferendosi all’Iti della propria città, ha parlato di “un progetto che viene da lontano, che ora finalmente si concretizza. Ascoli è una città bellissima che ha però bisogno di connessioni. È un intervento che si collega con altri, come quello della rigenerazione urbana, finanziato dal Governo e con la strategia ben delineata dal nostro Piano regolatore”. Il sindaco di Fano, Massimo Seri, ha definito l’Iti “uno strumento straordinario che stimola una progettazione integrata. Dobbiamo cercare di allargare i nostri confini nella progettualità. Nello specifico, valorizziamo una struttura nel centro della città per creare uno spazio innovativo che pensa alla musica e al carnevale”. L’assessore di Pesaro Antonello Delle Noci ha ribadito che “è la prima volta che Pesaro e Fano si mettono insieme, soprattutto sui fondi europei e conseguendo un risultato eccezionale. Pesaro investirà sulla musica; stiamo lavorando sull’università della musica, in collegamento con il carnevale di Fano e sulle infrastrutture. Vogliamo concretizzare una visione sempre più di territorio e per tutti i 54 comuni che hanno trovato, nella convenzione con il nostro Comune, la strategia giusta per guardare a un territorio più ampio”. La convenzione sottoscritta delega alcune funzioni proprie dell’Autorità di gestione (Regione) alle Autorità urbane (Comuni) responsabili dell’attuazione delle strategie di sviluppo. Queste ultime assumono le vesti di Organismo intermedio nell’attuazione delle politiche integrate per la rigenerazione urbana e l’inclusione sociale. In questa maniera i fondi europei 2014-2020 a sostegno dei centri urbani prendono concretamente forma con l’avvio delle progettazioni previste. L’intervento proposto dal Comune di Ancona (Waterfront 3.0) prevede la valorizzazione del “fronte mare” cittadino con 20 diverse tipologie di realizzazioni. Su un costo complessivo di 7,78 milioni di euro, la Regione riconosce 6,2 milioni (79% della spesa prevista). Il progetto di Ascoli Piceno (From past to smart) sostiene le imprese creative, culturali e turistiche, promuovendo nuovi prodotti e servizi, per collegare la storia al futuro della città. L’investimento complessivo richiede 14,1 milioni di euro (16 realizzazioni), a fronte dei quali la Regione assegna 6.748 milioni (47,7% della spesa). Il progetto integrato di Pesaro e Fano prevede interventi di riqualificazione delle aree strategiche, di rafforzamento del tessuto imprenditoriale, di promozione dell’inserimento lavorativo. Le due città vengono interpretate come un unico grande polo attrattivo e creativo. Si compone di 30 azioni che necessitano di un investimento complessivo di 9,2 milioni di euro, cofinanziati dalla Regione con 6,393 milioni (62,2%).

Maurizio Lombardi

Maurizio Lombardi, 53 anni, giornalista, dopo 15 anni di Ufficio Stampa in Confindustria, ha collaborato con Il Sole 24 Ore ed altre testate economiche. E’ editorialista su magazine on line a diffusione nazionale in cui affronta argomenti legati alla web reputation e alla costruzione dell’identità digitale di imprenditori e imprese. Dal 2004 è consulente in comunicazione, marketing e Relazioni Pubbliche presso Associazioni di categoria e società italiane, pubbliche e private.