Umbria biobank: al centro del convegno del 27 ottobre

Maggiori esperti nazionali e internazionali interverranno a Perugia, ospiti del Complesso Monumentale Abbazia di San Pietro

Convegno ‘Biobanche nell’era della medicina personalizzata: obiettivi e sfide. Innovazione del sistema salute in Umbria’. E’ in programma venerdì 27 e sabato 28 ottobre a Perugia, nell’aula magna del Complesso Monumentale Abbazia di San Pietro – Borgo XX Giugno. Lo organizzata il Centro d’eccellenza ‘Rights and Science’, in collaborazione con la Sezione di Anatomia e Istologia Patologica.

Il convegno rientra nel progetto per la creazione della Umbria biobank che ha, a sua volta, l’archivio dei preparati istopatologici dell’Anatomia Patologia di Perugia come nucleo di aggregazione iniziale.

Sequenziamento del genoma umano e avvento della medicina personalizzata hanno cambiato del tutto i significati scientifici, etici e sanitari connessi alla raccolta, conservazione e distribuzione dei campioni biologici. Una moderna biobanca sia di popolazione che disease-oriented rappresenta una risorsa infrastrutturale indispensabile, con ricadute profonde sul sistema socio-sanitario del territorio.

Il progetto Umbria biobank, sottoposto all’attenzione della Regione Umbria, dell’Università degli studi di Perugia e di diversi imprenditori, è dunque il centro del convegno. Che sarà una sorta di rassegna di tutte le problematiche etico-giuridiche, scientifiche, organizzative e autorizzative da afffrontare e superare per istituire una bionabanca razionale e sostenibile nel tempo.

Il convegno vedrà alternarsi esperti nazionali e ci sarà una qualificata rappresentanza anche di quelli internazionali. Le sessioni vedranno alternarsi giuristi e biomedici. Il convegno è accreditato per 13,6 crediti formativi E.C.M. E 4 crediti formativi in Diritto civile (2 per la prima sessione, 2 per la quarta sessione).

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.