Camminata tra gli Olivi: programma e itinerari

Un percorso che si snoda tra storia, enogastronomia e religiosità: ecco quello che propone l'Umbria il 29 ottobre

In occasione della Camminata tra gli Olivi, l’Umbria si presenterà al meglio, con iniziative all’insegna del turismo: “Ma anche pensate per dare valore all’olio e al paesaggio della regione”. Il sindaco di Giano dell’Umbria, Marcello Bioli, ha confermato: “Faremo una camminata tra gli ulivi immortali, proseguendo l’esperienza iniziata un paio di anni fa, con una tappa all’ulivo più antico dell’Umbria che è nel nostro territorio e dove verrà raccontata la storia di questa pianta plurisecolare. Ci sarà la visita a quattro frantoi, una passeggiata con un micologo, degustazioni nei borghi, la possibilità di visitare una mostra fotografica”.

Bernardino Sperandio, sindaco di Trevi: “L’attività di valorizzazione della fascia olivata e del paesaggio rurale tra Assisi e Spoleto ha suscitato negli ultimi anni un fortissimo interesse da parte degli operatori turistici, con turisti dal Nord Europa e dalla Cina. Affascinati da un percorso di 65 chilometri che si snoda tra gli ulivi ed elementi storico-artistici di pregio. La Camminata sarà importante per diffondere tra i nostri cittadini maggiore conoscenza e consapevolezza del luogo in cui vivono”.

Giuseppe Funari, vice coordinatore della Città dell’Olio, ha parlato delle iniziative di Montefranco, Arrone e Castel Viscardo: “La Camminata ruota attorno a un bene comune che è l’olio. Gli itinerari e ogni informazione utile sono sul sito www.camminatatragliolivi.it”. Non solo: è stata aperta una fanpage su Facebook, poi ci sono i canali Twitter e Instagram con l’hashtag #camminatatragliolivi, dove si potranno postare foto dei luoghi e degli eventi e creare una community della giornata.

Il percorso di Foligno merita: si va dal castello di Pale all’abitato di Belfiore, passando per le cascate del fiume Menotre. Una zona di gualcherie per la lana e la carta di mulini per cereali, con la collaborazione di Fie Valle Umbra Treekking. Al Frantoio Tega, visita guidata e degustazione. Ma non si possono dimenticare le altre eccellenze: Giano è sulla Strada del Vino Sagrantino e sulla Strada regionale dell’Olio Extravergine di oliva Dop Umbria. Montefalco associa olio e vino. A Spello c’è il percorso dell’Acquedotto romano. Spoleto propone il Sentiero deli Olivi.

Nel Ternano, mura medievali, stretti e pittoreschi vicoli. Poi le acque del Torrente Nera. Castel Viscardo propone due percorsi: al mattino nella frazione di Viceno, a Monterubiaglio nel pomeriggio. Pure Montefranco propone due percorsi di 2 e 5 chilometri con guida, partenza e arrivo davanti alla Chiesa della Madonna del Carmine. A conclusione, bruschettata con la Pro loco di Montefranco.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.