Ad Ancona il sesto incontro del Governing Board della Strategia Adriatico Ionica

Assessore Bora: "Dalla progettualità all'operatività".

eurodesk

Ancona ospita in questi giorni  il sesto incontro del Governing Board della Strategia Adriatico Ionica (Eusair), l’organismo che coordina il lavoro dei gruppi tematici incaricati dell’attuazione degli interventi promossi dall’Unione europea per quest’area e attuati attraverso un piano d’azione a beneficio dei sui 70 milioni di abitanti. I settori coinvolti sono quelli dell’economia marittima, ambiente marino, trasporti, energia, turismo sostenibile. I rappresentanti degli Stati membri sono nelle Marche in occasione dell’inizio della presidenza annuale italiana della Strategia e dell’Iniziativa Adriatico Ionica che ha preso avvio dal giugno 2017. L’evento si svolge attraverso un programma di appuntamenti, presentati oggi in conferenza stampa, che spazieranno dalla Tavola rotonda promossa dall’Ombudsman delle Marche su “La tutela del minore non accompagnato”, con la partecipazione dei garanti dell’infanzia dell’area macroregionale e l’incontro pubblico su “Crescere insieme. La protezione dei minori stranieri”, alla riunione del Governing Board. Il tutto coronato dall’apertura del Festival Adriatico Mediterraneo. “Dopo una inevitabile fase preliminare di concertazione, la Strategia entra nel vivo in coincidenza con la presidenza italiana – ha affermato l’assessora alle Politiche Comunitarie, Manuela Bora – Dalla progettualità si passa all’operatività. Il sesto Governing Board, organizzato ad Ancona (che aveva già ospitato il primo nel 2015) costituisce un ulteriore impulso per l’attuazione della Strategia e conferma il ruolo che le Marche rivestono in questa importante sfida”. L’ambasciatore Fabio Pigliapoco ha sottolineato come Ancona e le Marche siano dal 2000 al centro della Strategia: “Ospitano il Segretariato permanente il cui obiettivo è quello di trasferire le esigenze della società civile all’interno della programmazione europea per l’area adriatica e ionica”. L’appuntamento di Ancona avrà un faro puntato sul tema dei diritti, che richiama tutto il Mediterraneo alla questione delle migrazioni: “Non era scontato che, nell’ambito dei ragionamenti sulla Strategia, si inserisse un tema sociale così forte – ha detto Andrea Nobili, Garante dei diritti delle Marche – Non possiamo prescindere da quello che accade attorno a noi. La Macroregione guarda alla nuova Europa, ai Paesi dell’est, dove gli esiti elettorali sono chiari. Portare il tema della migrazione in questo contesto è un segnale bello e importante. Se c’è un deficit di fiducia nelle istituzioni comunitarie è perché si avverte una lentezza nell’affermazione di temi sociali rilevanti. Ad Ancona lavoreremo a un memorandum sul quale costruire progettualità”. In video collegamento dalla Regione Emilia Romagna (autorità di gestione di Adrion, progetto a supporto della Strategia Adriatico Ionica), Lodovico Gherardi ha sintetizzato i risultati raggiunti. Il programma, approvato dalla Commissione europea nel 2015 e finanziato con circa 117 milioni di euro (tra fondi Fesr e Ipa, questi ultimi destinati ai Paesi in pre adesione) ha prodotto un primo bando con 35 progetti pervenuti, 34 dei quali vedranno la firma del contratto entro i primi mesi del nuovo anno, per un importo complessivo superiore ai 45 milioni. Sempre all’inizio del 2018 verrà emanato il secondo bando, per il quale si prevede una dotazioni di ulteriori 45 milioni di euro. Nell’ambito della Strategia Adriatico Ionica la Regione Marche svolge il ruolo di coordinamento per le 14 amministrazioni regionali italiane coinvolte: Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Abruzzo, Basilicata, Molise, Puglia, Calabria, Sicilia, Province Autonome di Trento e Bolzano, in stretta collaborazione con la presidenza del Consiglio dei ministri e del ministero Affari Esteri. Contestualmente ricoprono il ruolo di partner italiano del Progetto strategico “Supporting the governance of the Eusair – Facility Point”, che dispone di una dotazione di 11,5 milioni di euro (3,1 assegnati alle Marche) per supportare la strategia nella sua fase di implementazione, a cui partecipano tutti gli otto Paesi della Macroregione (quatto Ue: Italia, Slovenia, Croazia, Grecia – quattro membri candidati: Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Serbia), con la Slovenia capofila.

Maurizio Lombardi

Maurizio Lombardi, 53 anni, giornalista, dopo 15 anni di Ufficio Stampa in Confindustria, ha collaborato con Il Sole 24 Ore ed altre testate economiche. E’ editorialista su magazine on line a diffusione nazionale in cui affronta argomenti legati alla web reputation e alla costruzione dell’identità digitale di imprenditori e imprese. Dal 2004 è consulente in comunicazione, marketing e Relazioni Pubbliche presso Associazioni di categoria e società italiane, pubbliche e private.