Pampepato ternano: mercoledì 18 ottobre primo passo per l’Igp

Più di 20 produttori, Camera di Commercio, Confartigianato Imprese Terni, Coldiretti Umbria e Parco 3A firmeranno la convenzione

Mercoledì 18 ottobre alle 11, nella sala del consiglio della Camera di Commercio di Terni, si firmerà l’atto di costituzione del gruppo di produttori – più di 20 pasticcerie e forni del territorio – che sono tra i soggetti promotori, insieme a Camera di Commercio, Confartigianato Imprese Terni, Coldiretti Umbria e Parco 3A, per ottenere la certificazione Igp per il Pampepato ternano.

Dopo l’atto di costituzione, ci sarà la firma della convenzione. L’ente spiega: “Questo momento costituisce il via ufficiale all’inizio dei lavori verso la certificazione”. Ricordiamo che Igp significa Indicazione geografica protetta e determina un marchio di origine che viene attribuito dall’Unione Europea a quei prodotti agricoli e alimentari per i quali una determinata qualità, reputazione o altra caratteristica dipende dall’origine geografica, e la cui produzione, trasformazione ed elaborazione avviene in un’area geografica determinata.

Per ottenere l’Igp, dunque, almeno una fase del processo produttivo deve avvenire in un area particolare. Nel momento in cui si ottiene l’Indicazione geografica protetta, i produttori devono attenersi a regole severe che sono stabilite a priori nel disciplinare di produzione. Un organismo di controllo verifica che vengano rispettare le linee fuida.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.