Figisc Confcommercio: Guglielmi nuovo presidente umbro

Gugliemi è già membro della Giunta della Figisc nazionale, l'associazione dei gestori di impianti stradali di benzina

Giulio Guglielmi è il nuovo presidente di Figisc Confcommercio, la maggiore associazione dei gestori di impianti stradali di careburante. La Figisc Confcommercio si è costituita su base regionale, in occasione dell’Assemblea che ha eletto anche il Consiglio, composto da Marco Donati, Costantino Frattini, Giulio Guglielmi, Stefano Picchi e Maurizio Torroni. Stefano Picchi è il vice presidente.

Figisc Umbria dovrà affrontare le problematiche di un settore in cui gli operatori sono fortemente penalizzati dalla massiccia introduzione delle pompe bianche (ovvero, senza bandiera) e dei self service, che non assicurano livelli di qualità e di servizio alla clientela, garantiti invece dalla presenza dei gestori.

Guglielmi ha battuto proprio su questo tasto: “E’ una battaglia per l’utente finale che, nel gestore, trova da sempre un punto di riferimento che garantisce servizi e attenzione alle esigenze specifiche di ognuno. La nuova organizzazione regionale ci consentirà di essere ancora più agguerriti nel portare avanti le legittime istanze di una categoria che sconta una deregulation selvaggia e poco oculata”.

Altro problema sul tavolo il costo delle transazioni eseguite con moneta elettronica: “Non vogliamo opporci a modernizzazione e tracciabilità dei pagamenti ma, per i gestori, che hanno già margini commerciali estremamente risicati, gli oneri di gestione sono troppo elevati, e bisogna che il Governo ci ascolti”.

Guglielmi è anche membro della Giunta della Figisc nazionale e partecipa a diversi tavoli di contrattazione, tutti nazionali, sia con le compagnie che con il ministero dell’Economia, il che garantisce ai benzinai locali una rappresentanza diretta e non mediata delle loro istanze.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.