Entro il 20 ottobre presentazione domande per i libri di testo gratuiti

Quest’anno la novità della gratuità di ogni testo per le famiglie che abitano nelle zone del terremoto.

Apre la scuola ed immancabilmente la Giunta Regionale dell’Umbria definisce le linee guida per il rimborso del costo dei libri di testo a fronte dei 570.000 euro disposti dal Ministero dell’Istruzione, dal Miur, insomma.
La proposta operativa è stata presentata dall’assessore alla scuola Antonio Bartolini, che ha fissato criteri e modalità per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico che sta partendo in questi giorni.
“Entro il prossimo 20 ottobre – ha affermato l’assessore Bartolini – gli interessati potranno presentare le domande direttamente al comune di residenza che poi, entro il 24 novembre, valuteranno l’ammissibilità e comunicheranno alla Regione il numero delle richieste accolte suddivise fra le categorie”. Che sono due: la scuola secondaria di 1° grado, e primo e secondo anno di scuola secondaria di 2° grado (obbligo) e scuola secondaria di 2° grado, dal terzo anno in poi.
Bisognerà dimostrare di possedere particolari caratteristiche per ottenere il beneficio della fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo “L’aiuto alle famiglie – ricorda l’assessore Bartolini – è stato introdotto nel 1998 per concorrere alle spese sostenute e non coperte da contributo o sostegni pubblici di altra natura per l’acquisto di libri di testo e di altri contenuti didattici, anche digitali, relativi ai corsi di istruzione scolastica fino all’assolvimento dell’obbligo di istruzione scolastica”.
Gli studenti dovranno avere la residenza in Umbria e il proprio nucleo famigliare non dovrà avere un reddito rientrante nella soglia ISEE di 10.632,94 euro.
Le norme di accesso sono comunque a disposizione nei comuni di residenza. Tra l’altro l’associazione degli editori metterà gratuitamente a disposizione delle famiglie terremotate tutti i libri di testo.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”