Pensionati ed impiegati: programmati incontri per una maggiore collaborazione.

“Umbra Acque” e sindaco Pensionati insieme per incanalare in modo positivo le lamentele del servizio.

Sono, come spesso accade, i pensionati a fare le spese dei disservizi pubblici. Le loro proteste però impattano spesso sulle persone sbagliate, sul primo che si trovano davanti. Accade alla “Umbra Acque”, società di distribuzione dell’acqua nella provincia di Perugia, i cui lavoratori di front-office, sono esasperati dalle lamentele, per dire altro, da parte dell’utenza, che gli addebita i disservizi. E chi si lamenta, s’è detto, è in gran parte pensionato. Per questo, allora il sindacato della categoria, lo Spi, si è fatto tramite di un incontro con quello dei lavoratori di “Umbra Acque” per avere un quadro esatto della situazione ed evitare fraintendimenti pericolosi ed inutili. Ad affermarlo in una nota sono la Cgil di Perugia e la Lega di Perugia dello Spi Cgil, che è stata il terminale delle lamentele: “Con le nostre strutture di categoria abbiamo già richiesto un incontro all’azienda – conclude la nota – per ricercare una soluzione immediata alle problematiche che stanno danneggiando lavoratori e utenti”.
E se gli incontri non riusciranno ad eliminare eventuali disservizi tecnici, almeno potranno stimolare la reciproca comprensione per poter continuare a fornire un servizio completo il più possibile.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”