Due milioni di euro per lo sviluppo della cooperazione in agricoltura tra Umbria e Tunisia

Accordo con enti statali arabi e Confindustria dell’Umbria.

Si vuole dar seguito al concetto dell’aiuto nei paesi di origine dei migranti: e con questo scopo recondito, la Confindustria dell’Umbria ha accolto una delegazione tunisina per la promozione degli investimenti in agricoltura, l’Apia. «Contribuire a un duraturo sviluppo dell’agricoltura in Tunisia attraverso il consolidamento del tessuto di imprese agricole ed agro-industriali e la creazione di posti di lavoro» è la parola d’ordine della «Agriculture competitive», cui partecipa anche il sistema produttivo umbro insieme al Governo tunisino. I partner regionali sono Umbria Export, l’Agenzia per l’internazionalizzazione di Confindustria Umbria, Ce.s.a.r., il Centro per lo sviluppo agricolo e rurale dell’Università degli Studi di Perugia e la Nardi, azienda tifernate che produce macchine agricole, e l’Istituto per la cooperazione Universitaria Onlus: la controparte è l’Apia. L’importo complessivo del progetto, che avrà una durata di tre anni e che sarà finanziato per il 75%, è di poco meno di due milioni di euro ed i settori dove ci si aspetta uno sviluppo sono quelli del latte, dell’olio, dei cereali, degli agrumi e dei datteri ma anche quello della esportazione delle macchina operatrici agricole.

Nei giorni scorsi Abdelmoumen Toukabri, direttore cooperazione internazionale di Apia, l’Agenzia tunisina per la promozione degli investimenti in agricoltura, è arrivato in Umbria, insieme ad Hanene Abidi Ben Ayed, del dipartimento centrale della promozione agricola di Apia, proprio per incontrare i partner italiani del progetto e per dare avvio alla fase operativa i cui risultati attesi sono lo sviluppo, in tredici governatorati della Tunisia, del tessuto agricolo ed agro-industriale. Le imprese italiane contribuiranno anche alla commercializzazione del surplus nei paese dell’Ue.

“Confindustria Umbria e Umbria Export – ha aggiunto Aurelio Forcignanò, direttore di Confindustria Umbria – guardano alla Tunisia con grandissimo interesse. Negli ultimi anni sono stati stretti rapporti di amicizia e collaborazione con il Governo tunisino e le sue agenzie di promozione, con notevole incremento della presenza di imprese umbre in Tunisia”.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”