Nata la Fillea Cgil Perugia – Umbria

Fusione tra la Fillea Cgil di Perugia e quella umbra: il primo passo è affrontare la sfida della ricostruzione post - sisma

E’ nata la Fillea Cgil Perugia – Umbria, nuovo sindacato, dalla fusione tra la Fillea Cgil provinciale di Perugia e quella regionale dell’Umbria. Il 23 marzo scorso è stata eletta la segreteria: con Augusto Paolucci, segretario generale, ci sono Cristiano Costanzi, segretario generale di Terni, Elisabetta Masciarri, per il Territorio dell’Alta Umbria, Marco Marcantonini, che si occuperà da vicino del Perugino, Claudio Mastrifiori, responsabile dell’organizzazione, e Claudio Aureli, con l’incarico specifico di seguire un territorio interprovinciale che copre Terni e l’area del cratere del terremoto. In quest’ultima funzione sarà affiancato a Cristian Benedetti, che è già il responsabile per Fille Umbria del cratere.

Paolucci ha così spiegato la nascita del nuovo ente territoriale: “Si tratta di un importante passo verso la regionalizzazione della categoria, che ci consente di spostare sempre più risorse economiche e umane sui territori, tanto più che la grande sfida è la ricostruzione post-sisma”. E ancora: “Abbiamo voluto calibrare la nostra struttura su quello che sarà nei prossimi anni il nostro impegno provinciale e quotidiano, ovvero difendere e allargare anche alle altre regioni il nostro modello umbro di ricostruzione che, grazie al Durc con congruità, ha garantito dopo il terremoto del 1997 legalità, sicurezza e trasparenza”.

La Fillea è la Federazione di categoria degli edili. Segue quindi da vicinissimo la ricostruzione in regione dopo le tremende scosse che hanno colpito tutta l’Umbria dal 24 agosto 2016 in poi. Cancellando dalla cartina geografica intere aree e interi paesi.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.