Ex Fcu: come migliorare il servizio

Incontro tra l’assessore Chianella e l’associazione tifernate ‘Il mosaico’ per discutere delle problematiche della tratta ferroviaria

Pur non mancando i disagi per gli utenti dell’ex Ferrovia Centrale Umbra (Fcu), passi in avanti sono stati fatti per superare le loro problematiche, verso le quali l’assessore regionale ai Trasporti Giuseppe Chianella ha garantito che è mantenuta “la massima attenzione, con particolare riferimento ovviamente ai territori interessati dalla sospensione del servizio”. Proprio per questo motivo Chianella ha incontrato i rappresentanti dell’associazione culturale ‘Il Mosaico’ di Città di Castello, con i quali si è confrontato sullo stato della situazione.

I membri dell’associazione hanno mostrato apprezzamento per l’opera della Regione Umbria e dell’amministrazione tifernate guidata da Luciano Bacchetta. In modo positivo è stata vista l’istituzione del collegamento veloce su gomma San Sepolcro – Città di Castello – Perugia, ma questo non distoglie l’attenzione dall’obiettivo primario: un veloce ripristino dell’infrastruttura ferroviaria nel suo insieme.

I membri dell’associazione guidata da Carlo Reali hanno anche sottoposto all’assessore Chianella cinque proposte per limitare i disagi per l’utenza. In particolare hanno sottolineato la necessità di “una revisione e un abbattimento dei costi dell’abbonamento, almeno per il periodo di durata dei lavori, per gli utenti con disabilità nonché la possibilità di una rateizzazione del costo dell’abbonamento annuale”.

L’assessore da parte sua ha assicurato che verificherà la fattibilità di tali proposte (“assolutamente legittime”) con i tecnici regionali e con la direzione di Bus Italia e ha confermato l’impegno affinché si possano avere a disposizione, nel più breve tempo possibile, le risorse già destinate dal ministero dei Trasporti per i lavori di messa in sicurezza della linea e l’affidamento della stessa al gestore nazionale.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.