Si potenzia l’Ospedale di Città di Castello

Inaugurata una nuova Tac di grande potenza: funzionerà per un vastissimo territorio arrivando anche in Toscana.

La Regione l’aveva promessa ed ora, eccola, all’Ospedale di Città di Castello la nuova Tac, quella che sfrutta i più aggiornati ritrovati tecnologici. Taglio del nastro, allora stamattina, davanti alla presidente Catiuscia Marini, all’assessore regionale Fernanda Cecchini, al sindaco della città, Luciano Bacchetta, al direttore generale dell’Azienda sanitaria nr. 1, ad Andrea Casciari, e all’on. Walter Verini, oltre davanti al personale sanitario.
L’arrivo della Tac è molto importante perché denota la volontà regionale di mantenere un presidio sanitario di altissimo livello nella parte settentrionale dell’Umbria, in una zona molto attrattiva in quanto si trova a cavallo dei confini della Toscana e vicinissima anche alle Marche. Sempre Catiuscia Marini ha ricordato che tutto questo non significa una sorta di acquisto “spot” ma il frutto della programmazione delle Aziende sanitarie dell’Umbria, che hanno operato delle consistenti azioni di risparmio. “Questo piano di investimenti per il rinnovo delle apparecchiature tecnologiche – ha affermato Marini – consentirà agli operatori di accrescere le loro competenze e conoscenze ed ai cittadini di poter ricevere assistenza e cure più puntuali e adeguate. Una medicina all’avanguardia, infatti, è tale se capace di saper accogliere le innovazioni scientifiche e tecnologiche”.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”