Il mercato immobiliare è in forte ripresa

Nel secondo trimestre 2016 le compravendite sono aumentate del 20%

In Italia il settore immobiliare fa segnare una ripresa eccezionale, impensabile fino a un anno fa. Secondo i dati Istat, il secondo trimestre 2016 ha segnato un +20,6% rispetto allo stesso periodo del 2015, dopo il +17,9% del primo trimestre. Un trend positivo che riguarda l’intera penisola, da Nord a Sud, e tutte le varie tipologie.

Nello specifico, il settore abitativo è cresciuto finora del 19,8% e gli immobili per uso economico dell’11,9%. Anche i mutui naturalmente hanno segnato un netto rialzo, il 26,5%, spinti dai bassi tassi di interesse e dagli ultimi provvedimenti del governo finalizzati a favorire l’accesso al credito da parte di giovani coppie e in genere di categorie con meno garanzie sotto il profilo dei contratti di lavoro.

Gli immobili ad uso economico hanno visto un rialzo più significativo nel Sud e nelle isole (+23%), a testimonianza di un fare imprenditoriale che si è rimesso in gioco. Per le case private invece la maggiore crescita si è registrata nei piccoli centri, mentre nelle grandi città, sempre comunque in terreno positivo, è stata minore, complice prezzi meno accessibili.

Per il mercato immobiliare, tra i primi a registrare una crisi profonda a partire dal 2009, il 2016 sarà probabilmente ricordato come l’anno della ripresa vera e propria. Prova ne è che sono nate anche nuove agenzie immobiliari laddove fino a poco tempo fa sembrava essere un’impresa poco redditizia. I segnali di una salute futura sono dunque tutti in piedi.

Redazione