Stadio di Tokyo 2020, accuse tra architetti

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=JnbNTYEunbU[/youtube]

Due giganti dell’architettura, Kengo Kuma e Zaha Haid, allo scontro per lo Stadio Olimpico di Tokyo 2020. Zaha Haid accusa infatti Kengo Kuma di aver copiato il progetto, che era stato inizialmente scelto e poi cestinato, nel luglio scorso, per volere del premier Shinzo Abe. La motivazione? Il design – che ricordava il casco da ciclista – era troppo costoso rispetto alle stime originarie.

La società iracheno-britannica non ha usato mezzi termini: “I giapponesi ci hanno copiato. Noi abbiamo lavorato sul progetto per due anni e mezzo, loro hanno concluso in tre mesi. Impossibile”. Le accuse sono state sdegnosamente respinte da Kuma: “Non ci sono similitudini nel progetto, il concetto è completamente diverso. E’ una costruzione completamente differente”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.