Cosmetici, sottoscrizioni ok

Nel 2010 Birchbox ha lanciato il servizio di sottoscrizione per la ricezione mensile di prodotti cosmetici a un prezzo fisso. Da allora sono numerose le aziende che hanno optato per questo modello di business. Un modello che sembra funzionare, soprattutto nel settore della cosmesi. Ma per il consumatore è veramente conveniente realizzare un simile abbonamento? Jayne W. Orenstein del Washington Post ha analizzato le principali proposte, confrontando il valore dei cofanetti e il loro prezzo.

La buona notizia per il consumatore è che c’è effettivamente convenienza: il prezzo, infatti, è da 5,5 a 1,7 volte inferiore. Lì dove il risparmio non è particolarmente significativo, però, c’è in più la possibilità di personalizzare la confezione.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.