Il prezzo nascosto della tecnologia

Lo smartphone è davvero innocuo? Le applicazioni free che vi abbiamo scaricato sono davvero gratis? Resistere alla tecnologia è sempre più difficile, a volte quasi impossibile: uno sguardo alle notifiche, un ultimo link condiviso, lo smartphone sempre acceso anche mentre si dorme. A volte sembra quasi che non se ne possa fare meno, che sia una specie di droga.

La realtà non è molto distante da ciò: oltre la metà della popolazione soffre di nomofobia, la paura incontrollata di restare sconnessi. È questo il prezzo che si paga al fascino della tecnologia, ma non solo: ci sono anche il tempo e l’attenzione che vi si dedicano. E queste sono risorse limitate. Ben lo spiega Tom Chatfield, esperto in tecnologia e new media.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.